BONUS BEBÈ MARZO 2018: QUANDO ARRIVANO I SOLDI

In questa news, vi indicheremo la prima data di disponibilità al pagamento del Bonus Bebè nel mese di Marzo 2018. L’importo è riferito alla mensilità di Gennaio 2018, infatti, come ormai noto quasi a tutti, il bonus bebè viene pagato ogni mese (sino alla scadenza naturale) e l‘assegno fa rifermento al mese appena terminato.

Data Di Pagamento Del Bonus Bebè A Marzo 2018

Nella maggior parte dei casi, il pagamento per il bonus bebè avverrà a partire dal 08 Marzo 2018 (Giovedì).

IMPORTANTE: questa data è valida nel 90% dei casi delle persone che, ricevono già da uno o più mesi il bonus bebè. Se state aspettando la data di pagamento del vostro Primo Assegno, allora, molto probabilmente questa data non farà testo e vi invitiamo a sollecitare ed a chiamare l’INPS.

Bonus Bebè 2018: requisiti ed a chi spetta

  • L’assegno spetta ai nuclei familiari in cui sia presente un figlio nato o adottato o in affido preadottivo, tra il 1° gennaio 2015 e il 31 dicembre 2018 e che siano in possesso di un indicatore di situazione economica ISEE in corso di validità non superiore a 25.000 euro;

 

  • Cittadinanza italiana, oppure di uno Stato dell’Unione Europea oppure, in caso di cittadino di Stato extracomunitario, permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo di cui all’art. 9 del d.lgs. 286 del 1998. Ai fini dell’assegno ai cittadini italiani sono equiparati i cittadini stranieri aventi lo status di rifugiato politico o di protezione sussidiaria (art. 27 del d.lgs. 251 del 2007);
  • Residenza in Italia;
  • Convivenza con il figlio (il figlio ed il genitore richiedente, devono essere residente nello stesso nucleo familiare ed avere dimora abituale nello stesso comune);
gallery/amazon_offerte inserzione_orizzontale
gallery/tips-fanpage-facebook
gallery/facebook (2)
gallery/59f1f900bbddbd37cc58c94f

Rimani sempre aggiornato sulle novità iscriviti ai Social Media ed alla Newsletter

Importo e durata:

È concesso un assegno annuale per ogni figlio, nato o adottato o in affido preadottivo tra il 1° gennaio 2015 e il 31 dicembre 2018. L’importo dell’assegno dipende dal valore dell’ISEE calcolato, con riferimento a tutti i componenti del nucleo familiare:

 

 

  • 960 euro (80 euro al mese per 12 mesi), nel caso in cui il valore dell’ISEE non sia superiore a 25.000 euro annui;
  • 1.920 euro (160 euro al mese per 12 mesi), nel caso in cui il valore dell’ISEE non sia superiore a 7.000 euro annui.

 

L’assegno spetta dalla data di nascita o di ingresso nel nucleo familiare a seguito dell’adozione o dell’affidamento pre-adottivo fino al compimento del primo anno di età del bambino oppure fino al primo anno dall’ingresso nel nucleo familiare a seguito dell’adozione o dell’affidamento pre-adottivo.

La domanda può essere presentata da uno dei genitori entro 90 giorni dalla nascita, oppure dalla data di ingresso del minore nel nucleo familiare a seguito dell’adozione o dell’affidamento preadottivo disposto ai sensi della legge 184 del 1983. In tale caso l’assegno spetta a decorrere dal mese di nascita o di ingresso in famiglia del figlio adottato a seguito dell’adozione o dell’affidamento pre-adottivo.

Il genitore non ha più diritto al bonus bebè nei seguenti casi:

 

  • Quando il figlio compie un anno di età, oppure quando si raggiunga un anno dall’ingresso in famiglia del minore a seguito dell’adozione o dell’affidamento pre-adottivo. L’anno, pari a 12 mesi, si calcolano a partire dal mese di nascita o di ingresso in famiglia (questo mese incluso);
  • Quando il richiedente perde uno dei requisiti previsti dalla legge (ad esempio in caso di trasferimento della residenza all’estero, perdita del requisito della cittadinanza o del titolo di soggiorno, perdita della convivenza con il figlio, ISEE superiore ai 25.000 euro annui, revoca dell’affidamento);

 

  • Quando si verifica una delle seguenti cause di decadenza:

 

    • Decesso del figlio;
    • Revoca dell’adozione;
    • Decadenza dall’esercizio della responsabilità genitoriale;
    • Affidamento esclusivo del minore al genitore che non ha presentato la domanda;
    • Affidamento del minore a terzi.

 

È importante conoscere questi punti, perché, spesso il mancato pagamento o la mancata apparizione della data può dipendere anche da quanto elencato sopra.

gallery/ebayimage
gallery/bonus bebè